Benvenuto su Giovane Europa
Cerca
Forum · Organi · Downloads · Il tuo Account · Guestbook · Contattaci
 
 


 
 
Mený

· Home
· Aggiungi News
· Aiuto (FAQ)
· Archivio News
· Contattaci
· Contenuti
· Downloads
· Forum
· Guestbook
· Il tuo Account
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
 
 

 
 
Chi Ť Online

In questo momento ci sono, 38 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
 
 

 
 
Soci Iscritti

101
 
 

 
 
Meteo

Tempo per domani:
Non disponibile
 
 

 
  L'urlo del destino
di Matteo Pegoraro




A cura della Redazione della casa editrice e rivista letteraria “Il Filo”

La vita, come la morte, l’amore e la sofferenza sono gli elementi che costruiscono quasi sempre una storia di qualsiasi genere essa si tratti.

Nel caso di questo primo lavoro di Matteo Pegoraro essi sono indistricabilmente connaturati alla realtà, prendono spunto dalle viscere dell’esistenza e di essa sentono non soltanto le profonde sottigliezze, i dolci richiami della nostalgia, ma anche il puzzo, la rabbia, la desolazione della vendetta. Un romanzo di formazione che cade in un periodo di maturazione dell’autore a livello stilistico e personale. Non a caso protagonisti sono suoi coetanei che vivono però un’altra esistenza, un altro mondo con metodi di comportamento probabilmente agli antipodi rispetto ai suoi, ma per questo più affascinanti e ricchi di profondità umana. L’amicizia dei protagonisti che si perde per poi recuperarsi in una transfert che coinvolge il compagno di cella della voce narrante, è assolutamente in linea con la necessità di crescita, con la rabbia adolescenziale che pervade tutto il romanzo garantendogli quella dose di spregiudicatezza e irresponsabilità che lo contraddistingue.  Di qui anche l’utilizzo di un linguaggio volutamente duro, che riesce a controbilanciare l’unidimensionalità della formula diaristica e che non si sofferma troppo sulla ricerca letteraria, quanto su un recupero del parlato contemporaneo e su una attualità narrativa fatta tutta di vita vera e vissuta o almeno ascoltata.”
 

ESTRATTI DI CRITICA LETTERARIA

 “Un eccellente romanzo d’appendice.”

Claudio Gorlier, Radio RAI 1

 “Un libro interessante, che potrebbe conquistare il pubblico dei giovani lettori.”

Angiola Codacci-Pisanelli, L’Espresso

 “Un testo narrativo coinvolgente per un tono giovanile, moderno e suggestivo che si innesta su una ricerca che scardina certi parametri tipici del romanzo tradizionale, ma allo stesso tempo mantiene le caratteristiche di un testo godibilissimo, ricco di significati. Lo svolgersi del romanzo si sviluppa con descrizioni coinvolgenti, ricche di atmosfera, che stimolano il lettore e lo portano a riflettere su situazioni sociali ed esistenziali di grande attualità, sulle finalità della vita umana e su ciò che la motiva.”

Ubaldo Giacomucci, direttore editoriale Edizioni Tracce

 “Belllissimo il finale, che sconvolge tutti gli schemi e lascia un piacevole alone di ambiguità.”

Gianni Caccia, direttore della rivista letteraria La Clessidra ed editor presso le Edizioni Joker

 “Questo libro contiene l’impulsività, le emozioni intense e mutevoli e la struggente voglia di vivere che solo un ragazzo di diciott’anni può esprimere.”

Franco Forte, giornalista, scrittore e sceneggiatore RAI/Mediaset

 

“Be', che dire... Bel libro, di quelli che si leggono “tutto d'un fiato” per la curiosità di sapere come vanno a finire le vicende dei vari personaggi. E che ti fa pensare a quanti “Mirchi Pellizzari” esistono per le strade del mondo, per non parlare dell’infinita serie di “Giulie & affini”. Davvero una bella storia, per quel che può contare il giudizio di uno che pur leggendo parecchio non ha certo velleità di critico letterario. Però quando un libro ti lascia qualcosa dentro, quando non vedi l’ora di avere dieci minuti di tempo per affondare gli occhi tra le sue pagine, allora vuol dire che non hai per le mani una storia qualsiasi. Ancor meglio, poi, se, come nel caso di Matteo Pegoraro, è scritta bene. Congratulazioni all'autore...”

Claudio Bertoncin, giornalista de Il Gazzettino

 “Una vita graffiata e graffiante. Un ragazzo con la fame di crescere. Ma il destino gli viene incontro con gelide labbra, avare di sorrisi. Un testo di una maturità travolgente, da non lasciarsi ingannare dal linguaggio a tratti adolescenziale. Il contenuto è di grande spessore, e Matteo Pegoraro ha uno stile personale, incisivo e molto bello. Un romanzo, “L’urlo del destino”, che fila via come il vento.”

Laura Onori, scrittrice

 Dal quotidiano “Il Gazzettino” del 20/08/2004

 “A DICIOTTO ANNI IN LIBRERIA”

Un protagonista diciassettenne, «che ricorda l’incrocio tra un Bruce Willis fuori forma e un giovane Holden cresciuto e fuori dal tempo», come azzarda l'autore. Calato dentro «una storia dove prende corpo un vortice di emozioni e sentimenti autentici, profondi, ineguagliabili». «Dove si materializzano - spiega ancora il giovanissimo autore del romanzo dal titolo “L’urlo del destino” - i sogni, le paure, le singole palpitazioni del cuore di un giovane che sperimenta i primi amori, le prime amicizie sincere, i primi tradimenti».

Creatore di quello che si annuncia come uno degli eventi editoriali più intriganti dell'anno nel panorama delle opere di autori veneti emergenti è il diciottenne di Stanghella Matteo Pegoraro, studente di liceo, ma già impegnato in una rubrica dedicata in internet interamente agli Scrittori Emergenti, (all'indirizzo http://guide.supereva.it/scrittori_emergenti).  

Il libro è incentrato sulla figura di un diciassettenne, Andrea, rinchiuso in un riformatorio dell'Umbria. Un ragazzo pacato, normale, un adolescente come tanti, ingenuo quanto inesperto, privo di certezze assolute, attanagliato dai problemi che una giovinezza trascurata e una famiglia inesistente gli procurano di giorno in giorno. Andrea scrive di nascosto su un diario, cercando una via di fuga dalla dura realtà quotidiana del penitenziario, dove le violenze e i soprusi sono storia quotidiana. Tra le pagine del suo diario si riannodano i fili di un'esistenza breve, ma già segnata da tappe incancellabili: una storia d'amore impossibile ma irrinunciabile, un'amicizia controversa e ricca di colpi di scena con un ragazzo omosessuale, l’odio per un padre mai presente.

Il romanzo, venduto on line sul sito www.delosstore.it, in questi giorni sta facendo la sua comparsa anche sugli scaffali delle librerie padovane. «Parlando di storie di ragazzi, credo che in Italia si sia stanchi di leggere sempre le solite cose, per lo più raccontate nello stesso modo - osserva Matteo - Parlare di droga, sesso, fumo e rock’n roll credo sia sorpassato. Gli anni ’70 sono finiti, è finita anche l’era dei giovani che vivono tra rivoluzioni studentesche, feste dove i protagonisti sono l'alcol, l'ecstasy e il sesso clandestino. Molti esordienti, ma non solo loro, tendono a riscrivere romanzi già visti, dove non c'è una storia ma solo il quotidiano vagare tra ciò che non è proprio degli adulti. Dando un'immagine dei giovani che non è quella reale.”









Copyright © by Giovane Europa Tutti i diritti riservati.

Pubblicato il: 2005-12-02 (914 letture)

[ Indietro ]
 
 

Content ©

 
 
Powered by Alfay
Puoi ricevere le nostre news utilizzando i flies backend.php oppure ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi